conosci il nemico come te stesso

Conosci il nemico come conosci te stesso

Se farai così, anche in cento battaglie non ti troverai mai in pericolo.

Questo aforisma di Sun Tzu è uno dei più belli. E' un chiaro invito a studiare i propri avversari e a non improvvisare mai nulla.

Per "nemico" non si deve necessariamente intendere un esercito. Deve essere considerato in un senso più ampio.

Potrebbe trattarsi di un avversario politico, di un concorrente o di un interlocutore.

Qualche esempio pratico

Nel management l'aforisma vuol dire analizzare i punti di forza e di debolezza della concorrenza, per offrire sul mercato un prodotto o servizio migliore.

Nei rapporti personali e nella comunicazione, invece, significa conoscere i limiti dell'interlocutore e portare la discussione su quegli argomenti per metterlo in difficoltà e avere ragione.

E così via.

Non basta conoscere se stessi

Quando si comincia qualsiasi cosa, bisogna conoscere i propri limiti.

Tuttavia, non basta conoscere se stessi, quando ci si confronta con altri in una sfida.

E' necessario conoscere anche i limiti degli avversari.

Esempio. Saper correre i 100 metri in meno di 10 secondi non vuol dire vincere la medaglia d'oro, se anche altri possono farlo. Per vincere occorre batterli almeno di un centesimo sui loro tempi.



Per scrivere un commento